domenica 30 giugno 2013

i.0063: plastic strip


untitled
(plastic strip)














installance n. : # 0063
type : red plastic strip
size : unknown
record : lowres shot
additional notes : abandoned
date : Jun. 27th, 2013
time : 12:09 pm
place : Rome, Aurelia train station

una commissione sullo ior lirico

 
il papa nomina una commissione sullo ior e la affida a un cardinale salesiano per riformare lo ior: il: il papa sceglie il cardinal farina a sorpresa istituisce una commissione per rinnovare l'istituto centro scandali e controversie già archivista di benedetto il cardinale è uno studioso, molto inserito. alla testa della commissione istituita, 80 anni il prossimo 24 settembre, principale artefice dei grandi restauri che hanno cambiato volto

fonte (quasi): http://www.repubblica.it/esteri/2013/06/26/news/papa_francesco_istituisce_commissione_su_ior-61882100/
  

venerdì 28 giugno 2013

postproduction molecules

   
you can do something with some serious napalming going nowhere. the back of the table has pits and teeth: rasputin's bones.

responsible for inbox faults. a bowl of song users.

butterfly's wings last 1 full minute of japanese sex. the cushions in phamaphata stores were taken from here: they are made of nickel. anatomy of months after.


use the wrist. connect the plug. you find out that orion netscape browsers are all made of goat butter. 

less memory.

less random fields.

please, please.
       
  

commenti personali a un post letto su facebook



qui tu vedi come gli auaiani rubano il lavoro agli italiani: kinu rivs a casa sua. fuori dall'italia. le paga le tasse? no. li fa i films? sì. fuori dallitalia, tutti a casa, doppiatori e portoghesi, cinesi e canadesi, padri e cittadini, pini e icone. la fa l'icona? sì. gira i films? no. allora fuori dai maroni questi rivs. li gira i films? ci girano gli auaiani? no. allora tutti al lavoro i beirut. kinurivs abbasso. abbassa italiani. basta è nato a beirut? sì. suo padre è doppiatore? no. allora basta pino. fuori i pini dall'italia. le paga le tasse l'icona? no. le paga le tasse l'icona? sì. allora basta icona, basta tasse. fuori dall'italia. fuori le tasse di fuori. fuori a casa sua. basta l'italia basta le paga. fuori i films, basta tutti. i portoghesi in portogallo, i cinesi in canagallo. basta canadesi. basta italiani a beirut. dove è nato? a beirut. beirut le paga le tasse? sì. basta nascere. basta italia. fuori l'italia vada fuori dall'italia. fuori l'italia delle tasse dall'italia cinese inglese. kinu rivs a casa dei cinesi. a girare i films. li gira i films? sì. noi li vediamo i films? sì. kinu films. 
      

giovedì 27 giugno 2013

in questo momento

    
gli zombie invadono le strade, imbarazzati e incerti sulla grafia stessa della parola "zombie"
  
  

da una mail a un amico

     
grazie ***, 
è così, mi sono sentito punto nel vivo e fra me e me mi sono detto che l'ecumene si interroga sugli interrogativi più pregnanti dell'oggi e penso che sia mio dovere civile aiuto non so continuare la frase
     

mercoledì 26 giugno 2013

ca rf re pub fla ca bli (la repubblica del flarf)

   
il consiglio dei ministri vara il pacchetto, che fa circa sei metri nel fontanile prima di venir centrato dal piccione.

ciò "favorirà 200mila assunzioni" video rep tv: "pochi contratti, soldi sprecati" approvato anche.

*

amazon com exo terra plastic nano glass terrarium reptile habitat health supplies‎
8 x 8 x 8 inches

*

[ehi blogspot rispetta perfino gli spazi bianchi, da non credersi]


gran gran (conclusioni)

         
in un epocale convegno molto partecipato cinque poeti si interrogano in pubblico sulla tragica fine di pasolini. il convegno essendo epocale è prodigiosamente affollato in pubblico si interrogano per arriveranno ad alcune

conclusioni definitive sulla cosa, a uno dei misteri italiani a sarà finalmente chiarito.

hanno deciso di farcela da soli coi mezzi della poesia senza polizia magistrati medici indagini.

la inizialmente rarefatta si poi con il seguire invece.

riuniscono richiamano gente, che funzioni da assai, e che sia il loro. con la partecipazione di molte persone si uniscono si raccolgono assieme belle energie e le cose possono essere speditamente risolte dimorando nella verità. la sala è dimorano affollata da generosi da

incuriosite e accaldate, e dal loro desiderio di fare da soli senza così fanno.

i cinque poeti che risolveranno pasolini sono sul palco, palco in grezzo legname, rilevato mezzo metro rispetto a e vi è un percettibile [qualsiasi parola]. i loro metodi sono acuti, per esempio estraendo da involucri di plastica delle crocchette panate di polpa di granchio. 

questo è uno. mentre li ascolto, dalla platea, seduto in terra, perché non c'è più posto, mastico un'ala di pollo. il pollo è infatti un animale alato.

ascolto in questo momento le conclusioni autocritiche che sta tirando un giovane poeta che in verità è il presidente giovanni gronchi, travestito da presidente antonio segni. si toglie la prima maschera dicendo di aver fondato ormai da tempo immemorabile la rivista letteraria "l'altro e l'altro dall'altro", che detiene il desiderio di confronto ma anche di raffronto. vi è un vivo fremere nella platea. e vi è un corale annuire. 

un secondo autore conclusivo prende il microfono afferma di essere in particolare molto affine con la parola di paul celan che dice la congiunzione "per". ripete assai spesso "per". numerosi annuiscono nella popolosa sala, con vivaci commenti. alcuni poeti dei cinque, diciamo due, rinunciano alla loro sedia e si siedono come gli indiani per terra, ciò ci fa sentire. purtroppo si rompe il microfono e non si sente un pezzo di discorso del giovane poeta che citava celan, ma subito arriva un altro microfono. vi è un alternarsi. lui ripete la frase, da che si capisce che in realtà non citava celan ma un memorabile aforisma di giuseppe saragat, casualmente presente in sala nonostante tutto.

è incredibile cosa riesce a fare la poesia dal bar alla sala vi è un viavai di gente che ascolta molto interessata tutti i vivaci interventi guardando fissamente verso il palco. vi è anche un brusio ma solo di bicchieri e non di voci. il terzo poeta si commuove, non riesce a parlare. il quarto poeta lo abbraccia col microfono, dicendogli le sue lacrime sono la cosa più vera sono veritative concludono la conclusione più onesta cui si potesse 

il quinto poeta concorderebbe ma è rimasto amaramente strozzato dalla polpa giace morente in terra, usciva un po' dal quadro del discorso e lì per lì non si notava che si divincolava sull'assito stringendosi le mani intorno alla gola battendo amaramente i talloni. alcuni sostengono si sia autosoffocato. è così o no? il pubblico si divide.

vivaci applausi conclusione si danno appuntamento a un ulteriore convegno leggermente meno epocale che però cercherà di stabilire coi soli mezzi della poesia le cause dell'agonia e della probabile morte (sembra ancora vivo) di costui. non ne ricordano il nome con assoluta esattezza così hanno deciso di chiamarlo, come i greci col dio ignoto, "il poeta senza nome".

la riunione è sciolta, nel dispetto del folto pubblico che non è riuscito a intervenire, e si assiepa attorno.

sul palco cadono fasci casuali di sceneggiature proemi che il folto numero di si ritrovava in borsa le disponibili maestranze devono chiudere la sala è tardi, i dialoghi proseguono in strada poi in parte nella rosticceria sotto il poster.
          

certe volte poi non li dovevi nemmeno scrivere i post, te li scrivevano loro



http://it.eurosport.yahoo.com/notizie/serie-inchiesta-calcio-malato-tutti-i-nomi-113901672.html

sabato 22 giugno 2013

ekphrasis 007

  
ha le unghie viola, vestita solo con una magliettina, viola. l'avambraccio di lui sta montando forse distrattamente del pastone giallo in una ciotola, su un tappeto color prosciutto che in verità porta in filigrana dei disegni o foto serigrafate di macchine da corsa tipo james bond anni sessanta. metallizzate. "architect", in piccolo, su un pezzo di vignetta con lucy e charlie brown che ballano staccati però tenendosi per una mano. si scorge appena la parte inferiore del sorriso. l'orsone con la salopette viola e i pantaloni verdi supera la casa con la testa di una spanna buona. di là dalla casa c'è la piscina. più sotto in una gran confusione di palazzi una chiesa con finestre a spicchi, angoli acutissimi. è fatta di mattoni. la quantità di azzurro suggerisce un clima estivo. per qualche motivo, siamo nel 2009.
   

venerdì 21 giugno 2013

ekphrasis 006

     
il primo ventaglio è dato dalle quattro dita di dinosauro, con unghie però curate, che sfiorano la spalla. a destra la pulsantiera della fotocopiatrice. non ci si crede quanto possano essere affollati i parcheggi a taiwan. vestiti tradizionali indiani, ma solo il sotto. una zorro cinese minorenne con larga parrucca di plastica nera. dietro un ricamo rosso anzi davanti, la conferenziera ride, ha denti molto bianchi, su due jack di mixer staccati ed entrambi neri. manca quasi un pezzo di cassetto di stampante, però si legge la parola "silver", degli aspirapolvere o centraline elettriche attaccate per i tubi apicali ai ganci di un balcone, all'interno. la parte superiore della faccia (si vede che indossa occhiali da sole non molto scuri) si staglia contro il mare. profondamente celeste. sembra un sindaco, ma non viene in mente il nome.
    

giovedì 20 giugno 2013

ekphrasis 005

     
deve unire due poli metallici forati, non è chiaro come fare. le dita sono perplesse. la maglietta in vendita è grigia, ha lo scollo a v. si vede scritto "sources and dow" e "age no", ma tutto il resto è coperto, anche dalla vecchia bagnina riccia incartata nel neoprene. si afferra al parabrezza del motoscafo, pronuncia una vocale. il motoscafo è fermo. un albero o covone parecchio slungato ospita bandierine con delle x rosse molto ordinatamente disposte a intervalli regolari sui ciuffi. si vede una parete rocciosa inclinata a 45 gradi che non ha nessun rapporto con alcunché tranne un abete. un pollice molto roseo accanto a una stoffa nera con paillettes sembra a prima vista una schiena nuda, ma l'inganno è di breve durata.
     

mercoledì 19 giugno 2013

ekphrasis 004

    
il dottor lambda alza gli occhi al cielo, sono celesti, la montatura degli occhiali è nera, è una montatura di scena (non hanno lenti). si capisce bene. c'è molta panna che fa chiudere gli occhi alla mangiatrice di pasta, al computer semiaperto. la valigetta di alluminio sembra contenere un santino con la nota modella schiffer, ma verso sinistra i poliziotti fanno muro, con le tute piombo a strisce gialle orizzontali. si oppongono a un fronte. a ben guardare forse non sono poliziotti. come sul santino non c'è la schiffer. chissà chi sarà allora. "the end is here" viene ripetuto due volte su due cartelli diversi (nel senso che sono separati, ma di fattura identica). una passante li ignora, aggiustandosi lo zaino. "beer festival" e un occhio giallo (dipinto su carta probabilmente) sono molto prossimi. però l'occhio ha un che di espressionista. 
   

martedì 18 giugno 2013

del2


  
[ click to enlarge ]
    

del1


i.0062: "sarebbe più facile"


sarebbe più facile















installance n. : # 0062
type : text and signs
size : unknown
record : lowres shot
additional notes : abandoned
date : Jun. 17th, 2013
time : 03:11 pm
place : Rome, via dei Quattro Venti

ekphrasis 003

    
i dilettanti della maratona vanno verso il limite dello spazio disponibile, dove la modella si aggiusta un indumento intimo amaranto, è scacciata da 6 viti ikea che mostrano chiaramente le loro teste a incavo esagonale. pronte all'azione dell'apposita brucola. una foca occhieggia con naturale dolcezza. i nuotatori accennano a un albero di folder molto sfocati.
   

lunedì 17 giugno 2013

ekphrasis 002

       
in puglia un muro di mastio definibile "possente", un aereo in volo e una ciotola di riso invaso dai ragni rendono perplessa la bimba di tre quarti. c'è un filo spinato: incupisce giocoforza la scena, c'è una serie di istogrammi senza tabella di riferimento. hanno modo di disporsi a semicerchio intorno a un giocatore di rugby in blu: sbircia da dentro il casco i suoi compagni verso sinistra. siamo in grado di leggere "n'est actuallement pas dis" ma non abbiamo né il soggetto né la parte finale dell'ultima parola. si legge anche "patriots". la nuca di un elegantone è visibile, ma la faccia ci si immerge dentro. parecchio più in alto delle mani si stanno togliendo dei guanti di lattice.
  

domenica 16 giugno 2013

ekphrasis 001

       
prova un grande imbarazzo e abbassa gli occhi. le si vede la fronte e sulla destra un fascicolo spillato che ha in copertina delle lettere in grassetto. sono e non sono caratteri di un alfabeto orientale. sulla sinistra in basso una figura in giacca e cravatta ma talmente rimpicciolita che quasi si confonde con le giostre alle sue spalle.
  
poco più in alto dei grassoni ridono di gusto, tutti seduti a braccia conserte. lo spettacolo dev'essere davvero esilarante. ci sono delle verdure. si distinguono i piedi di persone eleganti ferme al loro posto.
   

blame on the fortran nose

 
it is enough. flaming at about half the new password.
urgent cart. since it's loaded with dynamically hard prayer colormaps.
let's swap our horrible languages or anything could make things fix vanilla typing.
i'll remove the shell for humans.

garbage escapes the crowning glory of linear cells, transcending any readability.
you want to offer good transistor arguments. write on the screen. (see below)
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________
________________________________________________


venerdì 14 giugno 2013

cliomakeup miniatura

 
tutorial trucco melanzana metallica | intrattenimento al fondo hay sitio capitulo 8 un giorno fa | violetta 2 leon y lara se besan | annalisa e il muretto backstage alfonso eroe nazionale fuori | il | il 14 giugno miss strawberry fields rossetti | rossetti top del momento | 19 ore fa
  

giovedì 13 giugno 2013

copie note come bisogni umani

1

che ne dite di una scimmia gigante attaccata a un intero 
lotto di acari-debugger? 

(l'a-capo significativo, nei volumi, ma anche nei tasti treble/bass) (un culo a b)

che ne dite di chiamarlo un lento?

che ne dite di lasciare la pista da ballo, dando un esempio conforme? 

come sarebbero i vincoli dimensionali senza codice sorgente? 

la sceneggiatura sta cadendo su un utente.
è assolutamente no. umano era lasciare che la classe apple si occupasse di umani, non di giacimenti di petrolio.


2

cambio il suo cercapersone fuori uno di uno 
non fornirà una dolorosamente grande ora mi 
sono imbattuto nel fatto che (è come) è: un
sottoinsieme più piccolo del design legitti
mo. sembra che il supporto tecnico possa in
questo preciso momento compilare un portanu
meri dove il vecchio scorbutico assorbito n
el corpo chiede il fissaggio del software p
ro-genoma kleenex. diverse copie ogni volta